Excite

Varese, manifesti di un bar hard di Lugano: è protesta

Metti un bar hard di Lugano, ove la prostituzione controllata è legale, e un assessore di Varese che si infuria. Il collegamento tra i due eventi? È presto detto.

Tutta colpa del bar Oceano, considerato troppo hot per via della sue formule particolari che attirano molti clienti anche dal Nord Italia. Lì infatti, dopo un drink, si può salire in camera con una ragazza, alias escort, e trascorrere qualche ora in allegria.

Libera scelta di ognuno, certo. Ma i cartelloni che pubblicizzano il locale sono approdati a Varese, e nessuno li ha visti di buon occhio. Tanto che presto saranno censurati. Il regolamento comunale è severo: i manifesti pubblicitari devono essere decorosi.

L'assessore Salvatore Giordano, attento alla vicenda, ha spiegato: 'Noi non entriamo nel merito dell'attività che svolge il locale, ma reputiamo il messaggio divulgato dal manifesto non accettabile. Non è opportuno neanche dal punto di vista religioso, visto che nel regolamento comunale è previsto il rispetto della morale cattolica. Inoltre mi risulta che la Svizzera abbia detto che il manifesto rappresenta un vilipendio alla bandiera. Il messaggio si rivolge ai varesini e la pubblicità è inopportuna perché istiga ad attività da noi non consentite'.

In realtà il bar della discordia non è l'unico in Svizzera ad offrire un servizio del genere. Ma la Varese più perbene non ci sta ed è stufa di vedere pubblicità con il fondoschiena di ragazze in bella mostra. Un'altra fetta, invece, spera in silenzio che almeno un manifesto resti indisturbato ad abbellire il corso della città.

Photo: VaresePress

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017