Excite

Vancouver, no al sexy shop

Il sexy shop, lì, non ci deve stare. O almeno è quello che chiedono i residenti di un tranquillo quartiere di Vancouver.

A quanto pare, anche in Canada il sesso può fare scandalo e dallo scorso autunno, questa battaglia è più che mai viva. A infastidire i residenti, un negozio che ha la colpa di vendere dvd e riviste per adulti, lingerie, sex toys e company.

I membri della Dickens Community, che si occupano di rendere la zona un vero e proprio paradiso terrestre, fanno fuoco e fiamme da mesi, e il capo Peter Wohlwend, da dieci anni a lavoro su numerosi progetti, vede nel sexy shop una sconfitta per il quartiere. 'Siamo riusciti a non cadere nella prostituzione, abbiamo mandato via gli spacciatori e la droga, e la nostra zona deve continuare a essere perfetta per i nuclei familiari con i bambini'.

Ma Tony Perry, proprietario del negozio a luci rosse, non sa farsene una ragione: 'Sembra che queste persone abbiano visto un ufo atterrare sulla terra, non un sexy shop qualunque. In fondo non faccio nulla di male, il negozio rispetta tutte le regole, non ha immagini offensive e si trova a più di 305 metri dalle scuole come detta la legge'. La guerra, intanto, continua.

Photo: s2art @ Flickr

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017