Excite

Svizzera, i detenuti chiedono di poter fare sesso

Bernard Rappaz è a suo modo un personaggio. Diventato famoso in Svizzera e anche all'estero per i suoi scioperi della fame, che hanno messo a rischio la sua vita, il coltivatore elvetico di marijuana è diventato ben presto un simbolo delle lotte per i diritti dei detenuti.

Adesso c'è una nuova battaglia. Bernard infatti, insieme ad altri 29 prigionieri, ha chiesto una stanza coniugale per poter incontrare le proprie compagne e fare sesso.

Il documento chiede alle autorità del carcere e ai responsabili cantonali di tenere in considerazione la vita affettiva dei detenuti. Una petizione che ha raccolto le firme di una minoranza dei detenuti di Crêtelongue ed è stata inviata a Esther Waeber-Kalbermatten, Consigliera di Stato del Canton Vallese per il partito socialista.

La rappresentante del governo cantonale ne ha preso conoscenza, anche se non si è espressa sulla richiesta dei detenuti dato che è in corso una verifica sulle prigioni cantonali, e una relazione finale sarà pubblicata a settembre.

'Parleremo di questa nuova petizione il 22 aprile, anche se non è direttamente di nostra competenza', ha rimarcato la presidente della commissione di giustizia del parlamento vallesano. 'Io comunque non comprendo questa rivendicazione, a Crêtelongue si infliggono misure di pena. In questo senso, chi vi si ritrova dentro e mostra buona condotta ha diritto a facilitazioni come l'uscita dal carcere che può permettere ciò che chiedono i carcerati nella loro petizione. Sono lì in una struttura detentiva, non in vacanza'.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017