Rabbit Amnesty, ecco come si riciclano i sex toys

Anche per i sex toys arriva il tempo della pensione. E quando le batterie sono ormai esaurite o i pezzi che la compongono dimostrano qualche ruga di troppo, è il caso di dare loro l'ultimo saluto.

Ma cone fare? Si fa infatti necessario gettare i vecchi sex toys nell'ottica di una politica ambiental. Rivolgetevi in questo caso alla Rabbit Amnesty, un'azienda inglese che ha aperto le sue porte al riciclaggio dei giocattoli del sesso. Il lavoro della Rabbit Amnesty Environment inizia infatti dai punti di raccolta e di vendita - Collect Oh! Points - dove le donne possono acquistare lingerie, sex toys e altre delizie erotiche ricevendo dei punti. Una volta salvati in una banca on line, si riceveranno altri punti Oh! che vi serviranno per acquistare un nuovo sex toys a un prezzo ridotto.

La banca terrà conto dei vostri acquisti e dei ricicli premiandovi con sconti e promozioni. Il centro si prenderà poi cura dei sex toys portati nei centri che hanno raccolto l’offerta della Rabbit smistando tutto il materiale (batterie, plastica e parti in gomma e silicone) per inviarlo poi ai centri di riciclo. Una organizzazione da dieci e lode!

sexcity-blog.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2014