Excite

Prostituzione, il Canada a lavoro per l'incolumità delle donne

Il merito in fondo è di Terri-Jean Bedford, maitresse canadese che ha sconfitto la legge contro la prostituzione. Un tribunale di Toronto ha infatti stabilito che tale legge mette in pericolo l'incolumità delle donne.

Da qui, la scelta di invalidarla anche se il governo canadese, assai poco convinto, ha già presentato il ricorso in appello.

C'è da dire che la prostituzione in Canada non è un reato, anche se è vietata da una serie di leggi che riguardano attività specifiche. Da qui, la scelta del giudice Himel di aiutare le lavoratrici del sesso in pericolo ogni giorno per le strade. 'Trovo che il rischio corso dalle prostitute superi ampiamente qualsiasi offesa possa essere recata agli altri cittadini'.

Grazie a questa sentenza che prenderà il via tra un mese, cosa accadrà dunque? Succederà che in Ontario le prostitute avranno vita più facile potendo lavorare in luoghi protetti. Saranno libere, ad esempio, di assumere body guard o autisti senza che quest'ultimi rischino la pesante accusa di sfruttamento della prostituzione.

La Bedford, che gestiva il bordello Bondage Bungalow poi chiuso dalla polizia negli anni novanta, dichiara ora: 'Non potete immaginare quanto io sia felice oggi, perché ho subito moltissimo da parte del sistema giudiziario, per tanto tanto tempo'. E per lei e le sue colleghe si apre uno spiraglio di normalità: associazioni corporative, controlli sanitari e maggior rispetto. Il tutto, ovviamente, pagando le tasse come qualsiasi lavoratore canadese.

sexcity-blog.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017