Excite

Prostituzione: a Reggio il progetto Rosemary

Non si smette mai di aiutare chi ha bisogno di una mano tesa. Come il recente esempio tutto milanese interessato a formare gruppi specializzati nell'aiuto di prostitute. A Reggio Emilia, poi, lo sanno bene.

Qui infatti il Comune, da anni, porta avanti il progetto 'Oltre la strada - Rosemary'. Un lavoro delicato ma ricco di soddisfazioni che prevede l'accoglienza in percorsi protetti di quelle donne che intendono uscire dal giro.

Ma come si svolge l'attività? Innanzitutto vi sono gli operatori specializzati che si recano nei luoghi dove le persone si prostituiscono per incontrarle e accompagnarle ai servizi sanitari. Disponibili, poi, percorsi gestiti dall'associazione Rabbunì per attuare una 'protezione sociale' e per permettere alle donne di prendere parte a eventuali corsi di alfabetizzazione, formazione e avviamento al lavoro.

L'obbiettivo? Fornire ovviamente alle più sfortunate una piena autonomia economica, lavorativa e di abitazione.

Il progetto Rosemary prevede 12 uscite mensili, di cui 8 serali e 4 diurne, e fino a oggi ha ottenuto buoni risultati. Dall'inizio del progetto, infatti, a Reggio sono state strappate dalla strada e accolte ben 300 persone. E i numeri cresceranno ancora.

Photo: Panorama

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017