Excite

Porno, c'è crisi anche in Spagna

La crisi economica continua a mietere vittime nel settore porno. Succede in Spagna, dove attori e attrici hard sono senza lavoro. Veri e propri disoccupati a causa della concorrenza di Internet e dei video amatoriali.

E se negli Usa qualcuno aveva richiesto al 111˚ Congresso un assegno da cinque miliardi di dollari per rilanciare l’appetito sessuale degli americani, in Spagna la situazione è davvero seria. Parola di Lesly Kiss, attrice catalana intervistata dal magazine Interviù.

Le foto di Lesly Kiss

Entrata nel giro del porno tre anni fa per pagare le rate del mutuo, in breve tempo Lesly era diventata una delle star più amate del cinema spagnolo. Poi il crollo nella scorsa estate. "Prima guadagnavo 3500 euro al mese e ora ci sono mesi in cui a malapena arrivo ai 500, un giorno o l'altro mi confischeranno la casa".

La soluzione? Inventarsi qualcosa, come un libro dal titolo accattivante, "Diario di una bambola rotta", in attesa di pubblicazione.

Secondo la rivista, l'industria del porno spagnolo avrebbe ridotto la sua produzione del 20%. "Internet ha fatto scoppiare tutto, perché ora il porno è gratis sulla rete - spiega Lesly, riferendosi anche alla concorrenza - Ora ci sono ragazze che fanno una scena per 100 euro, prima prendevamo 500 per la stessa cosa".

Ma a soffrire sono anche i registi come José Marfa Ponce, tra i primi a lanciare il business nel paese iberico negli anni '90. Allontanatosi dall'ambiente alcuni anni fa, Ponce ha cercato poi di tornare nel giro, ma invano: "Mi sono scontrato con la crisi e il progetto del mio film è rimasto bloccato".

sexcity-blog.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017