Excite

Gli inventori del Viagra a rischio posto di lavoro

È il caso di dirlo: dalle stelle alle stalle. Il colosso farmaceutico Pfizer ha infatti annunciato la chiusura del centro di ricerca britannico dove venne sviluppato il Viagra.

A rischio, dunque, ben 2.400 posti di lavoro nei prossimi due anni. Un duro colpo per il governo britannico che aveva indicato proprio l'industria farmaceutica come uno dei settori chiave per il rilancio economico del Paese.

Beh, ai piani alti evidentemente s'erano sbagliati. Il ministro delle Attività produttive, Vince Cable, ha definito così 'molto deludente' la decisione della casa farmaceutica, anche se occorre dire che l'azienda è stata chiara: la radicale decisione rientra nel suo programma di cambiamento globale.

Insomma, non che ci sia tutta questa crisi crisi tant'è che lo scorso anno Pfizer ha avuto utili complessivi per 18 miliardi di dollari. Ma all'orizzonte si profilano difficoltà. Dunque, meglio propendere per la rivoluzione prima che sia troppo tardi. L'azienda ha comunque fatto sapere che continuerà a investire nelle collaborazioni strategiche sia con l'industria che con l'università del Regno Unito. Ah beh... una magra consolazione.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017