Excite

Night club in crisi, sempre meno clienti italiani

Anche i locali a luci rosse conoscono il periodo nero. E l'allarme, con annesso grido di aiuto, arriva dai night club del Canton Ticino. I gestori ammettono: il lavoro delle circa 500 ragazze regolari è calato del 30% a gennaio.

In realtà il crollo si era già avvertito a dicembre 2009 quando il lavoro, rispetto allo stesso periodo del 2008, era diminuito del 20%. La colpa? Da imputare alla clientela italiana che, da un giorno all'altro, sarebbe sparita. Varesini e comaschi in primis.

Ma cosa accade in realtà? Lo spiega uno dei proprietari: 'Gli italiani ci raccontano che adesso sono senza lavoro. Arrivano, bevono qualcosa, parlano con le ragazze, ma non fanno altro'. E le casse dei locali hard ne risentono.

Un bel guaio visto che l'indisponibilità economica della clientela ricade anche sul settore della prostituzione, tra l'altro legale da quelle parti. E così anche gli hotel del sesso, quelli che affittano senza problemi e in piena privacy le camere alle ragazze che svolgono legalmente la professione, hanno meno introiti.

Pensare che un tempo, il mercato del Canton Ticino era tra i più fiorenti. Addirittura, solo pochi giorni fa, era stata colta con favore la proposta di installare nei locali alcuni defibrillatori per superare eventuali emergenze mediche. Ma la rovina dell'Italia, a quanto pare, sta inghiottendo anche uno dei pochi piaceri rimasti.

Photo: Pitch.com

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017