Excite

Nevada, legalizzate le case di tolleranza

Uno stato che ha sempre avuto una marcia in più in materia di sesso e non solo. Dopo le unioni civili, in Nevada potrebbero infatti sorgere già dal prossimo mese le prime case di tolleranza legali degli Stati Uniti.

Bordelli destinati esclusivamente alla clientela femminile e al popolo gay, ma comunque una rivoluzione, seppur tra alti e bassi. Una nuova legge dello Stato prevede infatti un programma di prevenzione delle malattie veneree anche per i maschi.

Un limite, fino a qualche tempo fa, che non permetteva loro di prostituirsi legalmente, proprio per una grave assenza di controlli medici, a differenza delle donne che da anni sono chiamate a fare test accurati e a lavorare nelle numerose contee rurali intorno a Las Vegas.

E adesso dunque? "Il mondo è prontosostiene Bobbi Davis, proprietario del bordello Shady Lady Ranch a due ore proprio da Las Vegas - perché le donne e i gay possano legalmente pagare per fare sesso. Tanto più che questa una nuova iniziativa farebbe bene agli affari, in questo momento di grave crisi".

Anche George Flint, leader della lobby dei proprietari di bordelli del Nevada, ha detto la sua: "Per più di venticinque anni nessuna prostituta autorizzata del nostro stato ha contratto il virus dell'Aids. Il mio lavoro è che la situazione rimanga tale". Insomma, l'augurio è che anche per i gigolò la vita diventi un po' più facile.

Photo: Realbrokeboys

sexcity-blog.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017