Excite

Natalie Dylan: "Vendesi verginità"

Il numero di coloro che senza tregua si sforzano di denunciare ai quattro venti la crisi economica e il decadimento morale che flagellano la moderna società non si conta più.

C'è chi, invece, ha pensato bene di trarre vantaggio dalla spiacevole congiuntura decidendo di mettere all'asta la propria verginità al fine di racimolare un milione di dollari indispensabili, a suo dire, per pagarsi gli studi. La "geniale trovata" è opera di una studentessa 22enne di San Diego, tale Natalie Dylan (ovviamente uno pseudonimo) che ha scelto la trasmissione Radio del popolarissimo Howard Stern come "vetrina" per la propria, rarissima mercanzia.

E' prevista una visita ginecologica finalizzata a garantire "l'integrità" del prodotto. La bella Natalie potrà però rifiutare l'acquirente nel caso in cui non sia di suo gusto. Colui (o colei) che vincerà l'inusuale asta potrà godersi l'acquisto presso il noto Bunny Ranch nel Nevada.

"Viviamo in una società capitalista - ha detto in radio la ragazza - e perché non devo capitalizzare sulla mia verginità? Mi voglio così pagare gli studi… L’idea di mettere all’asta la mia verginità mi è venuta da una donna peruviana (Graciela Yataco ndr) che, per pagarsi delle visite mediche, ha fatto altrettanto trovando un uomo canadese che le ha offerto 1,5 milioni di dollari."


Peruviana inclusa, ecco alcuni precedenti casi di verginità in vendita a fini di lucro:
Carys Copestake: vive a Denton, vicino Manchester 2007;
Graciela Yataco: attrice e modella peruviana;
Rosie Reid: lesbica, 18 anni, londinese, iscritta al corso di laurea in scienze politiche. Ha concluso il proprio affare ma ha dichiarato: "E' stata un'esperienza terribile".
Infine, per i più coraggiosi, c'è quest'annuncio (scaduto) su eBay.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017