Excite

Le morti tragiche del porno

Gioie e dolori di una professione non certo come tante. Perché il porno, sotto sotto, di tragedie ne ha conosciute fin troppo. E i morti si sprecano.

La lista è lunga. Si comincia con Shannon Michelle Wilsey, conosciuta come Savannah. Sedici anni fa l'attrice dalla personalità particolarmente debole si tolse la vita sparandosi un colpo alla testa dopo una lunga notte di festa. La sua storia divenne addirittura oggetto di una fiction, E! True Hollywood Story: Savannah.

Tragica fine anche per la texana Chloe Jones. Contratti lavorativi difficili a causa del suo carattere fin troppo acceso. Madre di tre figli, nel 2005 morì a causa di una insufficienza epatica causata da anni di abuso di alcool e farmaci.

Non è andata meglio a Linda Lovelace, la star di Gola Profonda. Dopo anni di sfruttamento e botte subite dal marito Chuck Traynor, morì a 53 anni nell'aprile del 2002 dopo essere stata coinvolta in un incidente d'auto a Denver, in Colorado.

Anche i pornoattori, però, non sono da meno. Tra questi Cal Jammers che nel 1995, dopo un lungo periodo di depressione ed abuso di droghe, si sparò alla testa davanti alla casa della sua ex moglie, la pornostar Jill Kelly.

Prima di lui c'era stato John Holmes, morto nell'88 a 43 anni. Malato di HIV, lavorò finché l'AIDS non lo rese troppo debole. I medici dissero a Holmes che avrebbe potuto vivere ancora a lungo se avesse smesso di bere, di fumare e di drogarsi. Ma il pornoattore, consapevole di essere vicino alla morte, si lanciò in una vita ancora più sregolata. Secondo le ultime volontà, il suo corpo fu cremato. L'attore era tra l'altro ossessionato dall'idea che, dopo la sua morte, il pene potesse essergli escisso per scopi feticistici o collezionistici.

Ancora, Jon Dough, morto nell'agosto del 2006 a Chatsworth, California. Suicidio per impiccagione. Il suo corpo fu ritrovato dalla donna che fu sua moglie per dodici anni, Monique DeMoan.

Infine, il caso più recente che ha visto come protagonista Stephen Clancy Hill, 34 anni. Un licenziamento in tronco dalla casa di produzione Ultima Dvd, ed ecco scattare il raptus. Prima l'uccisione di un collega, poi la fuga. Raggiunto dalla polizia su una parete rocciosa, dopo otto ore di assedio Stephen è precipitato improvvisamente ed è morto sul colpo.

Photo: Thefrisky.com

sexcity-blog.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017