Excite

I videogames diventano preservativi

Non c'è nulla da fare: la fantasia in ogni settore vale sempre dieci e lode. Lo sa bene Ben Marsh, uno studente di 21 anni della Facoltà di Comunicazione Visiva presso la Loughborough University nel Regno Unito. Lui, l'autore dei primissimi preservativi videogiochi.

Qualche precisazione va fatta. Perché il giovincello, ispirandosi a una ben più nota marca di profilattici, ha deciso di sfruttare le stesse confezioni per dare vita a dei prototipi interessanti.

Ecco allora condom inseriti in bustine che sembrano cartucce da gioco. E i nomi collegati a riferimenti sessuali non mancano: Sextris, Super Mario Land of Love, The Long End of Zelda, Donkey Shlong.

L'idea, come avrete avuto modo di capire, resta tale. insmma, i preservativi ludici non sono attualmente in commercio. Ma l'animo del giovane artista andrebbe premiato anche solo per il suo pensiero: 'La mia idea è nata dalla volontà di far capire ai giovani, e non solo, l'importanza del sesso sicuro in mancanza del quale si è a rischio di gravidanze indesiderate ma anche e soprattutto di malattie sessualmente trasmissibili'. Ricordarlo fa sempre bene.

Photo: Thedieline.com

sexcity-blog.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017