Excite

Fluffer, la professione che sta scomparendo dal porno

Fanno bene a dire che c'è poco lavoro in giro. Chiedetelo a quelli che un tempo lavoravano nel porno e poi si son visti tagliare il loro ruolo. I fluffer, soprattutto.

Professionisti nel campo cinematografico, impiegati nelle produzioni di film pornografici per mantenere alta, durante le riprese, l'eccitazione dei protagonisti con un lavoro di tipo orale.

Oggi no, è tutto diverso. Il pornoattore, se proprio non ce la fa, si fa aiutare da una pillolina blu e il fluffer va tristemente in pensione. Un lavoro raccontato con passione da un film presentato una decina di anni fa alla mostra di Berlino, ove si narrava la storia di un ragazzo ossessionato da un attore porno al punto tale da farsi assumere nella sua casa di produzione per stargli accanto in questo particolare ruolo.

Ma chi sceglieva di fare questo lavoro? Solitamente ragazzi che volevano trovarsi un impiego durante il periodo universitario e che, per farsi valere, davano il massimo durante i provini caratterizzati da prove con carote, banane e noci di cocco per constatare le loro capacità orali.

Il contratto poi garantiva la copertura medica in merito di infortuni cronici alle mascelle e alle giunture delle ginocchia. Insomma, dei veri artigiani del settore a luci rosse. Ma come spesso capita, certe professioni di un tempo vanno a sparire. E allora, al pari di un ombrellaio o un calzolaio, non resta che dire: bye bye fluffer.

Photo: Gay.it

sexcity-blog.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017