Excite

Erezione di tre settimane: diventa impotente

Sfortunata avventura, a quanto pare dai danni permanenti, quella che ha vissuto un uomo d'affari indiano di Kolkata. Due figli, 55 anni e una erezione durata tre settimane.

Ignota in un primo momento la causa scatenante, soprattutto dopo che il protagonista della vicenda aveva assicurato di non aver preso alcuna dose di Viagra e cose simili. Poi, ecco svelato il problema: priapismo, accentuato da un disordine neurologico. E mentre negli uomini normali il 'rilassamento' è assicurato con la fine dell'eccitazione sessuale, le vittime di priapismo rischiano di non tornare più a uno stadio di partenza.

E così, via con un'erezione infinita. Questa, dunque, la sorte dell'indiano che ha aspettato 21 giorni prima di fare ricorso alle cure dei medici. E a quest'ultimi non è restato che far fuoriscire del sangue per salvare la situazione complessa.

Il risultato nefasto? L'attuale impotenza che si sarebbe potuta evitare. Come ha dichiarato Avishek Mukherjee, medico autore dell'intervento: 'In questi casi è necessario rivolgersi a degli specialisti entro sei ore da quando ci si è resi conto che l'erezione è diventata permanente. Altrimenti c'è il rischio addirittura di morire'.

Photo: TodaysSeniorsNetwork.com

sexcity-blog.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017