Excite

Acqua corretta con sperma: rischia un anno di carcere

È il caso di dirlo: ci sono storie con dei contenuti incredibili. Come quella che vede protagonista Michael Kevin Lallana, un tempo mite uomo e direttore di settore alla Northwestern Mutual Financial Network di Orange County in California, ma soprattutto oggi imputato in un lungo processo perché giudicato colpevole di aggressione nei confronti di una donna, tale Tiffany G.

Il motivo per cui rischia di passare 12 mesi in una cella? Aver eiaculato più volte nella bottiglietta d'acqua della collega su citata. L'uomo, 32 anni, avrebbe ricavato una certa gratificazione sessuale dal gesto. In un interrogatorio registrato, infatti, Lallana aveva ammesso di trovare la sua vittima, una affascinante bionda, molto attraente e di aver eiaculato nella bottiglietta trovando eccitante l'idea che le sue labbra l'avessero toccata.

L'uomo, con tanto di fede al dito ma un matrimonio probabilmente non poi così stabile, ha tentato di difendersi dichiarando che non pensava che la collega avrebbe nuovamente bevuto da quel contenitore, abbandonato sulla scrivania il venerdì sera. E poi quello era 'l'unico modo che avevo per avvicinarmi a lei senza mettere a repentaglio il mio matrimonio'.

Fatto sta che l'episodio si sarebbe ripetuto per ben due volte finché la scaltra Tiffany, insospettita da quello strano sapore, ha chiesto a un laboratorio privato di analizzare il liquido. Inequivocabili i risultati: la bottiglietta conteneva sperma umano. E con un successivo esame del Dna si è arrivati a Lallana. Beccato e incastrato.

Photo: Sleazyeaze.com

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018